gifI 13 messaggi della Vergine a Ghiaie (in dialetto Bergamasco)

sabato 13 maggio 1944: "Scapa mia, che me so la Madona. Ta ghe de es savia, ùbidiente e rispetusa col prosem, e sincera. Prega be e turna in chel post che per nòf olte semper a chest ura".

domenica 14 maggio 1944:  "Te ghe de es savia, ùbidiente, sincera e prega be e rispetusa ves 'l prosem. Tra i quatordes e i quindes agn, te 'ndaré suora Sacramentina; te patiret tat e po tat; ma lòcia mia perchè dop te egneré con me 'm Paradis".

seconda parte: "Se, lù l'indarà pret misionare segond al me "Sacro Còr", finida la guera".

lunedì 15 maggio 1944: "Diga che se i vòl i so scecc guaricc i ga de fa penitensa, pregà tat e schià serte pecacc. Se i omegn i farà penitensa, la guera la finirà fra du mis; se de no, fra poc meno de du agn".

martedì 16 maggio 1944: "Tate mame i ga i scecc disgrazacc per i so pecacc gras; i faghe più pecacc e i scecc guarirà".

mercoledì 17 maggio 1944: "Di al Vescof e al Papa 'l “segreto” che te confide. Te racumande de eseguì chel che te dighe; ma dighel a nissü d'oter".

giovedì 18 maggio 1944: "Preghiera e penitenza! Preghiera e penitenza! Preghiera e penitenza! Prega per i poer pecadur piö ostinacc che i è dre a mör in chesto moment e che i trapasa el me Cör"».
"La preghiera a me piö gradida l'è l'Ave Maria ".

venerdì 19 maggio 1944: "No; l'è mia necessare che prope töcc i egne che. Chei che i pöl i egne che, segond i so sacrefese, i sarà guaricc o i restarà malacc; però se farà piö pecacc gross".
Alla richiesta di miracoli, risponde:
"I egnerà anche chei; tanc i se convertirà, e me sarò riconosida da la Cesa. Pensa cheste parole töc i de de la to eta; fat coragio'n tocce pene. Te Me ederè amò... nel ura de la to mort... te tegnerò sota el me manto e te porterò in Ciel".

sabato 20 maggio 1944: "Dumà 'l sarà l'öltema olta che te parle; dopo, per set de, te lase pensà be chel che t'ho dic. Sirca de capil be, perché dientada piö grandela 'l te servirà tat se te ölerè es töta me. Dopo cheste set de, törnerò amò quater ölte"».

domenica 21 maggio 1944: apparizione silenziosa sulle virtù della Famiglia.

pausa di una settimana
domenica 28 maggio 1944: "Prega per i pecadur piö ostinacc che i fa sufrì 'l me Cör perché i pensa mia a la mort. Prega po per 'l Santo Padre che 'l pasa di momenc bröcc; da tance l'è maltratac, e tance i tenta a la so eta: Me 'l protegerò e lü 'l vegnerà mia fo dal Vaticano. La pas la tardarà mia; ma al me Cör 'l preme chela pas mondial doe töcc i se amerà come fradei. Adoma issé, 'l Papa al g'avrà meno da patì".

lunedì 29 maggio 1944: "I malacc che i öl guarì i g'à de iga piö fidücia e santificà la so soferensa se i öl guadagnà 'l Paradis. Se i farà mia isé, i g'avrà mia 'l premio, e i sarà severamet castigacc. Spere che töc chei che i conoserà la me parola i farà töc i sförs per merità 'l Paradis. Chei che sofre sensa lamento i otegnerà da me e dal me S' cet töt chel che i domanderà. Prega tat per chei che i g'à l'anima malada: 'l me S' cet, Gesü, l'è mört sö la Crüs per salvai. Tance i capes mia cheste me parole e, per chesto, me sofre".

martedì 30 maggio 1944: "Cara s'cetina, te te se töta me; ma anche se te se cara al me Cör, dumà te laserò in chesta al de pianto e de dulur. Te me ederé amò nel'ura de la to mort e, inturciada 'n del me manto, te porterò in Ciel, e, con te tudarò anche chei che i te comprend e i sofre".

mercoledì 31 maggio 1944: "Cara fiulina, me dispias a dösì lasat, ma la me ura l'è pasada; sgumentet mia se per in pö te me ederé mia; pensa a chel che t'ò dic: nel'ura dela to mort egnerè amò. En chesta al de dulur te saré üna picola martire... Sgumentet mia: desidere prest 'l me trionfo. Prega per el Papa e diga che al faghe prest, perché öle es premürusa per töc 'n chel post che. Töt chel che sme domanderà, me al l'intercederò dal me S' cet. Sarò la to ricompensa se 'l to martirio 'l sarà alegher. Cheste me parole i te saran de conforto 'n de la proa. Soporta töc con pasiensa che te egnerét con me 'n Paradis. Chei che a posta (volontariament) i te farà sufrì, i egnarà mia 'n Paradis se prima i avrà mia riparat e se i sarà mia penticc 'n fond al cör. Sta alegra che an sa ederà amò, picola martire".


questo è un sito-web cattolico - all Right Reserved 2008/2009 ©®
Fondazione SAINTE CROIX onlus
Sede: Corso Matuzia n. 93 - 18038 SanRemo (IM) Italy
Casa Madre: Via Carlo Carsana n. 41 - 24040 Ghiaie di Bonate Sopra (BG) Italy
Phone: (+39) 0184 661507 - Fax: (+39) 0184 661507
codice fiscale -90063990080-